Fumo e Hashish

Che cos’è il fumo?

Il fumo a differenza della cannabis ha un concentrato molto più elevato di THC e quindi gli effetti, messi a confronto tra le due sostanze sono molto più marcati nella prima rispetto che alla seconda.

Le sue origini sono abbastanza ignote, si sa solo che i primi paesi ad utilizzare in grande quantità il fumo, provengano dal Medio Oriente .

Quante varietà esistono di fumo?

Nel mondo esistono diverse varietà di hashish, soprattutto in merito a dove viene fatto e coltivato prima di essere prodotto, con effetti, profumi e sapori diversi l’uno dall’altro. 

I tipi di fumo più diffusi nel mondo sono:

  • Hashish Afghano : ” L’hashish Afghano è incredibilmente piccante e pungente in gola. Inoltre, offre una pietra forte, quasi narcotica.

  • Hashish Libanese : L'hashish libanese ha un gusto molto deciso e piccante e si può distinguere in 2 tipi, quello rosso e quello giallo, la differenza tra questi 2 fumi è minima, cambia soltanto il periodo di essiccatura ed il colore. L’hashish libanese fornisce anche un effetto che ti rende rilassato e felice. Funziona bene contro lo stress, la depressione e il dolore

  • Caramel Hashish :  Il Caramel Hash ha un odore travolgente, con retrogusto di caramello.

  • Banana Hashish : La morbidezza ed il colore dorato di questo hashish di cannabis light sono perfettamente fedeli alle caratteristiche del tipico Kief. . L’odore è ugualmente forte e ricco, ricorda perfettamente il profumo di un hashish marocchino di alta qualità.

  • Nicole Kush : Nicole Kush è un vero Hashish dall' aspetto fresco, marrone, morbido e un po ceroso, facile da modellare. Col suo odore agrumoso, fresco e pungente.

  • Hashish Pakistano: L'hashish pakistano è nero, ha un aroma speziato ed è molto acuto in gola. Fornisce anche una pietra narcotica forte e duratura.

  • Hashish Marocchino: L'hashish marocchino induce uno sballo piacevole ed energizzante e contiene quantità relativamente ridotte di THC.

  • Hashish Nepalese: L'hashish nepalese è appiccicoso e cremoso, con un aroma pungente e speziato. Rispetto all'hashish afghano, questo fumo è liscio come la seta con un sapore distinto. L'hashish nepalese è potente e induce una forte pietra del corpo.

  • Hashish Turco: L'hashish turco è piuttosto delicato e induce un effetto cerebrale unico al posto della forte pietra corporea che ti aspetteresti dall'hashish.

Quali sono le differenze tra cannabis e Hashish?


Processo di raccolta

Partiamo col parlare della cannabis, si parte innanzitutto aspettando che la pianta fiorisca e si raccolgono i boccioli quando sono maturi, anche se ultimamente vengono utilizzate attrezzature/sostanze nutritive speciali per ottimizzare la raccolta, i profumi ed i gusti dell’erba. Per quanto riguarda il fumo, bisogna semplicemente staccare la resina(tricomi) dalla cima della pianta una volta che sarà ben visibile.  

Preparazione canapa

Una volta avvenuta la fioritura si procede con la raccolta delle cime di erba essiccati, poi bisogna inserirle in un vaso e aspettare circa due settimane in modo tale che si asciughino del per ottimizzare il sapore e la potenza della cima. Preparazione hashish: L’hashish una volta raccolto bisogna semplicemente formare delle palline di fumo e sono già pronte al consumo.

Metodi di assunzione

Entrambe le sostanze hanno molti metodi di assunzione in comune, i l più ovvio è che sia il fumo che l’erba possono essere fumati, oppure vaporizzati; un altro metodo di assunzione più particolare è quello di assumere le sostanza sotto forma di edibili (caramelle, biscotti, burro, etc…). Una cosa che si può fare solo con l’erba è la creazione di concentrati per esempio, i quali non possono essere prodotti con l’hashish.

Quali sono gli effetti che può portare il fumo?

Dopo aver assunto l’hashish, gli effetti possono essere più o meno intensi in base anche alla quantità assunta; i più comuni sono:

  • Aumento appetito,
  • Riduzione stress,
  • Forte senso di calma,
  • Apprezzamento maggiore della musica,
  • Gonfiamento delle emozioni in base al tuo stato d’animo,
  • Aumento eccitazione. 

Come viene prodotto l’Hashish?

Il Fumo è una sostanza che ormai viene consumata da migliaia di anni in tutto il mondo e con il passare del tempo si sono sviluppati diversi metodi innovativi per la raccolta della resina ed alla successiva preparazione. 

Tuttavia tra tutti i possibili metodi quello più utilizzato, rimane quello più antico, ovvero lo sfregamento delle mani sulla pianta. 

Nonostante possa sembrare obsoleta come tecnica di produzione presenta numerosi vantaggi soprattutto economici, perché non servono attrezzature sofisticate che porterebbero ulteriori costi.

Inoltre si potrà utilizzare la stessa pianta più volte senza dover ripensare ad ogni raccolta al ripiantare le infiorescenze:

Prima fase (sfregamento delle mani sulla pianta)

Si inizia la raccolta non appena cominciano ad apparire i primi tricomi sulla pianta, anche se la maggior parte dei raccoglitori consiglia di aspettare almeno altre due settimane dalla prima comparsa dei tricomi, in questo modo si potranno rigenerare più velocemente e si potrà avere una raccolta più efficiente durante le prossime fioriture. 

Un’altra accortezza da fare prima di cominciare la raccolta è quella di procurarsi un paio di guanti di lattice che torneranno utili nell’ultimo passaggio, una volta fatte tutte questi “trucchetti iniziali” si può procedere con la raccolta.

 Armatevi di pazienza e cominciate delicatamente a sfregare le mani sulle cime dell’infiorescenza in modo tale da far staccare i tricomi dalla pianta facendo particolarmente attenzione a non esercitare troppa pressione altrimenti l’infiorescenza potrebbe danneggiarsi.

Seconda fase (formazione delle palline di hashish e imbustamento)

Quando sarà stata raccolta abbastanza resina dalle piante per non buttare via nulla, bisogna rimuovere delicatamente i guanti e riporli nel freezer, dopo un paio di ore la resina rimasta sui guanti si staccherà con molta facilità ed in questo modo non si sprecherà nulla. 

Infine verranno fatte delle palline di hashish che verranno messe da parte, è consigliabile conservarle in bustine/contenitori con chiusura ermetica.

Fatte queste operazioni è stato prodotto dell’hashish di ottima qualità e pronto per essere consumato.

Condividi

Aggiungi un commento