Come coltivare piante di marijuana autofiorenti

- Categoria: Proprietà & Coltura

Sei un nuovo coltivatore di cannabis e ti stai chiedendo come coltivare semi di marijuana autofiorenti indoor o outdoor? Esplora questa guida definitiva per apprendere le basi e i metodi migliori per coltivare piante di marijuana autofiorenti.

Una delle caratteristiche più significative della coltivazione delle migliori varietà di erba è che non fanno affidamento sulla nostra precisa attenzione per prosperare in modo naturale. Inoltre, la cannabis Ruderalis è una di quelle varietà di facile coltivazione in quanto non hanno bisogno di molte cure in tenera età o in fase di fioritura.

Oggi, molti appassionati e coltivatori di cannabis desiderano coltivare questa marijuana autofiorente di piccole dimensioni nei loro giardini. Detto questo, è tempo di esplorare questa straordinaria varietà.

Introduzione di varietà di cannabis autofiorenti

La cannabis autofiorente è una varietà ibrida ottenuta incrociando le varietà fotoperiodiche Indica o Sativa con una varietà Ruderalis. Le autofiorenti sono originarie della Siberia meridionale e si sono abituate a sopportare climi rigidi e con luce ridotta. Le piante di marijuana Ruderalis crescono corte, circa 1 metro d'altezza.

La frase "autofiorente" è stata esplorata per la prima volta all'inizio degli anni '20 da un botanico russo, D. E. Janischewsky. Incrociando due diverse varietà, ha ottenuto una nuova varietà indipendente.

Per scoprirlo, ha incrociato le varietà Ruderalis con varietà Sativa o Indica. Il risultato è stato una pianta di marijuana autofiorente che cresce e fiorisce senza una particolare attenzione. Tali piante non richiedono particolari condizioni meteorologiche (freddo o caldo) per sviluppare rami, foglie e fiori. D'altra parte, è necessario conoscere alcune tecniche di coltivazione di base per piantare varietà di marijuana femminizzate e regolari. Esplora questa guida passo passo per imparare a coltivare la marijuana.

Padroneggia l'arte di coltivare la marijuana autofiorente

Coltivare una pianta di cannabis autofiorente può essere un affare complicato. Inoltre, potresti dover pensare al costo di tutti gli strumenti essenziali richiesti nel processo. La pianta di marijuana richiede ore di luce bilanciate per sostenere la crescita vegetativa. Pratiche di coltivazione scorrette possono rovinare i piani di un coltivatore poiché una luce eccessiva o inadeguata potrebbe portare a raccolti bassi. Pertanto, un set adeguato di luci di coltivazione è essenziale per la coltivazione di cannabis indoor.

Le luci rosse e arancioni sono le più efficaci per la fotosintesi. Il blu e il viola possono sviluppare piante corte e robuste. Tuttavia, le luci ultraviolette possono limitare la crescita della tua pianta. Quindi, assicurati di utilizzare le luci di coltivazione per produrre raccolti ottimali.

Per superare le complessità di coltivare piante fotoperiodiche, i coltivatori hanno sviluppato una varietà di marijuana ibrida con Cannabis ruderalis, rendendo la varietà una cannabis autofiorente. Coloro che hanno uno spazio di coltivazione insufficiente o un budget limitato e sono coltivatori inesperti spesso preferiscono piantare varietà autofiorenti. Come abbiamo discusso in precedenza, può rendere la tua esperienza di crescita senza problemi a causa della bassa statura e del breve ciclo di vita della pianta.

Come coltivare varietà di cannabis autofiorenti?

Pianta di marijuana autofiorente

Le varietà autofiorenti sono più fragili rispetto alle normali varietà a fotoperiodo. Ciò nonostante non comporta che questo tipo di infiorescenze, non siano la scelta giusta per la coltivazione. Quando coltivi cannabis indoor, le varietà autofiorenti necessitano idealmente di illuminazione artificiale, come le luci LED Grow. L'unica differenza è che le autofiorenti non seguono uno schema di luce preciso per crescere e iniziare a fiorire.

La germinazione dei semi autofiorenti è una parte vitale della crescita della tua cannabis autofiorente. Coltiva i semi direttamente nel terreno e, nella fase di germinazione, devi trasferirli in un ambiente interno.

In alternativa, puoi utilizzare uno strumento come un tovagliolo di carta o un vaso per una corretta germinazione. Assicurati solo che il terreno abbia i giusti nutrienti per la salute generale della pianta e una germinazione più rapida.

I semi di marijuana autofiorenti secchi impiegheranno dai cinque ai sette giorni per germogliare. Successivamente, trasferisci la pianta in un contenitore. Non toccare le radici per farlo fiorire con una potenza di alta qualità. Ora rilassati e aspetta che la tua pianta di cannabis autofiorente produca bellissime cime!

Benefici della coltivazione della cannabis autofiorente

Protetto dalle variazioni di temperatura

Le piante di cannabis autofiorenti possono tollerare le variazioni di temperatura. Questo punto di forza delle piante autofiorenti induce molti coltivatori a piantare le loro varietà all'aperto.

Nutrizione semplice ed economica

Le piante di cannabis autofiorenti non richiedono vari nutrienti per crescere! Puoi annaffiarli per le prime due settimane. Successivamente, inizia ad aggiungere alcuni nutrienti alle radici dalla seconda settimana. Aumenta le quantità di nutrienti con il tempo ma smetti di aggiungerli dalla sesta settimana in poi. Dopodiché, puoi aggiungere solo un set necessario di nutrienti secondo necessità. È plausibile sostituire i nutrienti una settimana prima del periodo di fioritura della pianta.

Tempo di fioritura veloce

La maggior parte delle varietà autofiorenti impiega solo dieci settimane per raggiungere la fase di raccolta. Alcune autofiorenti possono fiorire in circa due settimane e sono pronte per il raccolto in sole otto settimane. Il breve tempo di crescita è un vantaggio considerevole per gli allevatori che vogliono mantenere le cose discrete e veloci.

Piccola dimensione della pianta

Le piante di cannabis autofiorenti sono in genere molto più piccole di altre varietà. Alcuni ceppi di Sativa crescono oltre i 4 metri e mezzo e le varietà a predominanza Indica fotoperiodiche sono generalmente corte e cespugliose con foglie larghe e rami spessi. Se incrociata con la varietà Ruderalis, otterrai una pianta di cannabis autofiorente molto più piccola ma sempre a predominanza Indica con un ciclo di vita molto più breve. I coltivatori che preferiscono la coltivazione invisibile possono optare per piante autofiorenti discrete per ottimizzare lo spazio e le rese.

Svantaggi della coltivazione della cannabis autofiorente

Il trapianto è complicato

Il trapianto di piante autofiorenti può essere un processo complicato rispetto al trapianto di altre varietà di varietà di marijuana. Pertanto, è utile mettere i semi autofiorenti in un contenitore che prevedi di averli fino a quando non saranno pronti per la raccolta. Assicurati di trapiantare la tua pianta quando il terreno è asciutto. Eviterà qualsiasi complicazione durante il ciclo di crescita della pianta. Anche se il trapianto è problematico, non è impraticabile se stai attento a non danneggiare le radici! Le tue piante trapiantate non dovrebbero essere più radicate nel terreno di prima, poiché possono ostacolarne la crescita con la putrefazione dello stelo.

Cime meno potenti (a basso contenuto di THC)

La Cannabis Ruderalis ha un basso livello di THC, rendendola meno psicoattiva per gli esseri umani. Tuttavia, alcune varietà autofiorenti possono produrre marijuana con un alto contenuto di THC, come Amnesia Haze Automatic e Wedding Cake Auto hanno una concentrazione di THC intorno al 25%. Quando si incrociano i geni Ruderalis con varietà Indica o Sativa, il prodotto finale è una varietà autofiorente meno potente (a basso contenuto di THC). Tuttavia, puoi sempre produrre varietà autofiorenti ad alto contenuto di CBD senza oneri.

Aumento dei costi di fornitura di energia elettrica

Molti coltivatori forniscono 6-8 ore di buio e 16-18 ore di luce alle loro piante autofiorenti per l'intero ciclo di crescita. Pertanto, il costo dell'elettricità non viene ridotto durante la fase di fioritura. Inoltre, con le piante autofiorenti coltivate tutto l'anno, la bolletta dell'elettricità sarà molto più alta rispetto alla coltivazione di varietà a fotoperiodo.

Condividi

Aggiungi un commento