Cbd: cos'è e come agisce.

- Categoria: Proprietà & Coltura

La Cannabis viene definita legale se ha il THC inferiore allo 0,2% ed è permessa un’oscillazione fino allo 0,6%. Grazie a mirati studi botanici che hanno portato allo svolgimento di molte ricerche internazionali, prolungatesi per quasi una ventina di anni, è stato possibile creare varietà tanto "depotenziate" che gli effetti psichedelici sono stati ridotti al minimo o completamente annullati, in modo tale da non poter più essere considerate degli stupefacenti.

Il CBD nell'erba legale

La cannabis con alta percentuale di Cbd è vietata?

Di per se la Cannabis non è vietata, ma la quantità di THC presente in quest'ultima a determinarne l'illegalità. Per questo motivo, non dobbiamo preoccuparci dato che la canapa che trattiamo nel Nostro sito Lo specialista della canapa, non è un’erba da sballo. Trattiamo solo canapa light con il THC a norma di legge. Il Nostro scopo è quello di far conoscere varie specie di canapa light esistenti con diverse quantità di cannabidiolo.

La ricerca su quest'ultimo è uno degli incipit principali che hanno promosso e sopportato l’innovazione, portando alla nascita della Cannabis Light, la cui legalità potrebbe essere stata incentivata anche per immettere sul mercato prodotti con quantità di CBD. Di conseguenza gli agricoltori sono alla ricerca di varietà da cui ricavare molto CBD per convertirle in oli e derivati.

Il cbd trattato come farmaco per terapie ospedaliere.

La Cannabis Light nasce come progetto farmaceutico. L'erba legale che si può vendere tranquillamente in Italia è di due tipi: quella a basso contenuto e ad alto contenuto di CBD; ma cos'è? Il cannabidiolo, o CBD, fa parte dei 113 cannabinoidi presenti nella cannabis. È stato largamente dimostrato che questa molecola ha molteplici proprietà terapeutiche, tra cui quella di rilassare il corpo.

Il CBD non possiede proprietà psicoattive al contrario del il THC. Per questo motivo non si deve confondere l'azione di queste due molecole. Non appena il CBD entra in interazione con il corpo umano, coinvolge il sistema endocannabinoide (o ECS) stimolando una reazione naturale al dolore, all'ansia, allo stress. Un'altra proprietà del CBD è la capacità di normalizzare e sopprimere gli effetti del THC. Tutto questo avviene consumando cannabis legale in qualsiasi forma o concentrato.

Come agisce il CBD nel corpo umano

Come agisce il Cbd?

Inizialmente, era opinione diffusa che il cannabidiolo agisse solo per regolare e smorzare alcuni effetti del THC. Studi recenti hanno evidenziato come il CBD, di fatto, possieda potenzialmente un grande valore medicinale. Il cannabidiolo ha manifestato la sua utilità e operosità nel caso di terapie per una molteplice gamma di disturbi, patologie e problemi di vario genere. La ricerca ha messo in luce che quest'ultimo è in grado di ottemperare a risultati molto incoraggianti nella cura di sclerosi multipla, morbo di Chrohn, morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson e di attenuare diverse patologie alleviando il dolore come: l'epilessia, l'ansia e la nause.

Il cannabidiolo è una componente della Cannabis in grado di aiutare i pazienti colpiti da dolore cronico, dolore, spasmi e artriti. È importante rinnovare il concetto che, diversamente dal THC, il CBD non ha proprietà psicoattive (contrariamente alla marijuana di cui abbiamo ampiamente discusso nell'articolo QUI riportato) oltre al fatto che non manifesta effetti collaterali negativi, non deteriora corpo e mente, non da assuefazione e non causa astinenza. 

Condividi

Aggiungi un commento